Comunicati Stampa

rLX_0Auc_400x400Comunicati stampa Ufficiale dal portavoce della Questura Sost. Com. Amato

 

 

 


22 maggio 2015

163º ­Anniversario della fondazione della Polizia di Stato.

 

 

Oggi, venerdì 22 maggio 2015 , alla presenza di Autorità civili e militari, è stato  celebrato il 163° Anniversario della fondazione della Polizia di Stato.

La manifestazione celebrativa si è tenuta presso il Salone di Rappresentanza del Palazzo del Governo e ha avuto, come da direttive del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, connotazioni di sobrietà e semplicità.

La cerimonia si è svolta secondo il seguente programma:

-rassegna dei reparti;

-discorso del Questore

-consegna dei riconoscimenti per meriti di servizio al personale della Polizia di Stato

-onori ai caduti.

Nel corso della cerimonia sono stati premiati i seguente appartenenti della Polizia di Stato:

  • l’Assistente Capo CHELI Andrea e l’Assistente Capo  GASPERINI Valerio il 24 settembre 2012 evidenziando elevata professionalità, alto senso del dovere e sprezzo del pericolo, intervenivano, unitamente ad altro personale, in seguito ad un incendio sviluppatosi in uno stabile; nella circostanza, nonostante l’intensa coltre di fumo, riuscivano a fare evacuare tutti gli inquilini, sette dei quali in grave pericolo di vita. Chiaro esempio di dedizione e coraggio venivano  promossi per merito straordinario alla qualifica di Vice sovrintendente della Polizia di Stato.

 

  • Assistente Capo PANICUCCI Senio, Sovrintendende MORLE’ Geremia e l’ Assistente Capo GASPERINI Valerio , il 19 aprile 2012 evidenziando elevate capacità professionali e non comune acume investigativo, conducevano una complessa indagine di polizia giudiziaria che consentiva di disarticolare una associazione a delinquere, ritenuta responsabile di traffico di  sostanze  stupefacenti, porto e detenzione di armi. All’assistente Capo Panicucci Senio veniva conferito l’Encomio Solenne mentre al  Morlè e all’assistente Gasperini   veniva conferito l’Encomio.

 

  • All’Ispettore Capo RIZZA Giuseppe, Sovrintendente RICCI Elena, Sovrintendente MORLE’ Geremia, Assistente Capo GIUBILEI Nadia veniva conferito l’encomio in quanto il 22 agosto del 2013 evidenziando spiccate capacità professionali e notevole intuito investigativo, espletavano un’attività’ di indagine che, condotta con ritmo serrato e senza soluzione di continuità, si concludeva con l’esecuzione del decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di un individuo, responsabile di tentato omicidio.

 

  • All’Ispettore Superiore  U.P.S. PUCCIA Alessandro e l’Ispettore  Capo  SCHEMBRI Davide che il 21 settembre 2012   a seguito di una breve e serrata indagine, traevano in arresto due uomini, responsabili di sequestro di persona, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia,  veniva conferito il riconoscimento della lode.

 

  • Lode  anche per Assistente Capo BATTAGLINI Marco che il  10 ottobre 2012   in servizio di vigilanza stradale, procedeva all’arresto di una persona sottoposta agli arresti domiciliari, responsabile altresì di sinistro stradale sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

 

  • Lode per l’Assistente Capo LITRICO Mirko che il 24 novembre 2012 in servizio di controllo del territorio, individuava ed arrestava due individui responsabili di rapina aggravata.

 

  • Lode per Assistente Capo DIOMAJUTA Alberto che il 25 gennaio 2013 a Livorno a seguito di una segnalazione della Sala Operativa dando prova di elevate capacità professionali effettuava un intervento di soccorso pubblico, riuscendo a portare in salvo numerose persone in seguito ad un incendio divampato in un edificio.
  • Lode all’Ispettore Superiore SUPS SIGNORI Maurizio e all’Assistente RUSSO Rosario entrambi in servizio presso il Commissariato di Piombino i quali evidenziando capacità professionali , il 14 gennaio del 2013  al termine di un intensa attività di Polizia Giudiziaria traevano in arresto un individuo responsabile del reato di usura.

 

8 maggio 2015

La Questura di Livorno ha arrestato PINI Alessandro di anni 43, perché condannato all’espiazione di anni 1, per reati contro il patrimonio.  PINI, pluripregiudicato, è ritenuto responsabile di tre furti aggravati consumati a Livorno, rispettivamente: il 17/01/2015 in danno della tabaccheria ubicata in via de Lardarel, il 26/01/2015 in danno della tabaccheria ubicata in via Roma ed il 29/01/2015 in danno del bar “Gambrinus” ubicato in piazza del Cisternone. Le indagini condotte dalla Squadra Mobile  sono partite dall’esame dei filmati delle telecamere di videosorveglianza dei tre esercizi commerciali sopra indicati, riprese effettuate in occasione dei furti, sempre consumati in piena notte. Dalla visione emergeva che il ladro, in due diverse occasioni, precisamente quella del furto al bar “Gambrinus e del tentato furto alla tabaccheria di via Roma, indossava il medesimo giaccone tipo “bomber” scuro, con una riga sul cappuccio e lo stesso casco da ciclomotore. L’analisi delle riprese video e l’analogo “modus operandi” utilizzato, faceva desumere che si trattasse sempre del medesimo autore, in particolare per quanto riguarda le modalità di accesso alle due tabaccherie, cioè sfilando le doghe che compongo la saracinesca dell’esercizio commerciale, per farla sollevare e crearsi un passaggio d’ingresso. Osservando inoltre il primo piano dell’autore dei furti, seppur parzialmente travisato, si poteva notare una forte somiglianza di PINI Alessandro, già conosciuto da questi Uffici, ed in particolare per la caratteristica forma del naso. La perquisizione delegata dalla A.G. a casa dell’uomo che risiede in zona Barriera Garibaldi, consentiva di ritrovare i capi di abbigliamento ripresi dalle telecamere. Ulteriori approfondimenti di indagine, evidenziavano che la stessa notte del furto commesso alla tabaccheria di via Roma, l’indagato che doveva trovarsi agli arresti domiciliari, veniva sorpreso a bordo di un ciclomotore Scarabeo risultato rubato, il medesimo ripreso dalle telecamere, e per questo veniva indagato per i reati di ricettazione ed evasione.